Partecipattivi
diario di bordo

Dignità dell’abitare a Palermo, definita l’agenda delle priorità

Svoltosi il 24 gennaio, su indicazione dell’Assessore Giuseppe Mattina, il brainstorming è stato dedicato alla questione abitativa e ha coinvolto rappresentanti dell’Amministrazione Comunale delle sigle sindacali di categoria, dei comitati e delle associazioni che si occupano del tema, ma anche singoli cittadini che vivono il disagio dell’abitare.

L’incontro si è focalizzato sull’individuazione dei temi prioritari per la risoluzione della questione abitativa a Palermo che saranno approfonditi nei quattro incontri successivi sul tema. Le posizioni emerse durante il dibattito evidenziano che, nella dimensione locale, le varie misure adottate negli ultimi anni per far fronte al disagio dei nuclei familiari in situazione di grave disagio economico e, contemporaneamente, a sostegno dell’offerta abitativa non sono state capaci né di rispondere al fabbisogno, né di avviare ragionamenti più ampi a livello urbano e territoriale.

Risulta evidente la difficoltà nel gestire quelle situazioni nate come emergenziali, ma che si tramutano quindi in consuetudine e quotidianità.

Molti dei rappresentati delle associazioni lamentano che essendosi esauriti i canali di risorse pubbliche che fino ad ora avevano alimentato il settore dell’edilizia residenziale pubblica, l’unico scenario possibile è incentivare processi di rigenerazione urbana di forte impatto pubblico, tramite pratiche di auto recupero.

Dalla discussione innescatasi e dal confronto delle proposte tematiche ritenute prioritarie dai singoli partecipanti è nato un consistente elenco di temi su cui l’Amministrazione potrebbe impostare le future politiche abitative e tra cui sono stati ritenuti fondamentali: la necessità di strutturare una regia amministrativa; affrontare l’emergenza abitativa e la sua sotto-categoria di accoglienza in emergenza; la qualità degli alloggi e la loro gestione; prendere delle decisioni condivise inerenti alle occupazioni che perdurano da decenni; identificare più percorsi di autonomia abitativa.

La vulnerabilità abitativa delle maggiori metropoli italiane, come Palermo, non è più una questione di pochi individui esclusi dal sistema ma è un problema che investe un numero sempre maggiore di cittadini e di famiglie. L’intero tavolo di lavoro ha, quindi, concordato sulla necessità di risposte chiare e tempestive al problema.

 

Partecip@ttivi è un’iniziativa di democrazia partecipata del Comune di Palermo, in collaborazione con FPA SrlNeXt – Nuove Energie X il territorioClacLattanzio Communication.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: