Partecipattivi
In evidenza

La cultura dello Sport a Palermo, un’opportunità di crescita per la città

La tradizione sportiva di Palermo conta più di tre secoli di pratica. Calcio, pesca, canottaggio, vela, ciclismo, ippica, tennis, ma anche motociclismo, automobilismo e aviazione tra le principali discipline praticate dai cittadini.

In questo momento però lo sport ha anche un ulteriore ruolo chiave nel processo di metamorfosi di Palermo verso un modello ancora più partecipato, esso costituisce infatti per il Comune l’opportunità di mostrare la rinnovata fisionomia che si sta delineando, finalizzata a determinare una mobilità urbana nuova e sostenibile.

Runners, podisti, ciclisti, e praticanti di tanti altri sport popolano la città, anche grazie all’Amministrazione che incentiva l’uso della bici come mezzo di spostamento urbano. Sono tante le nuove discipline en plein air che si praticano nell’area urbana, come la capoeira (danza di origini afro-brasiliane), il parkour (superamento degli ostacoli urbani), il sups, ma anche il deltaplano e il paracadutismo guidato e a mare.

Servono adesso delle idee innovative e vincenti che permettano allo Sport di essere strumento per il miglioramento del benessere di tutta la popolazione con particolare riguardo ai valori fondamentali quali salute e benessere, educazione, etica e integrazione.

<<Questa città esprime ancora una volta le tante risorse e le tante idee per tramutare in fatti concreti quello che è il parlare quotidiano. […] L’aspetto dello sport è veramente importante perché coinvolge più sfaccettature di quello che è il nostro vivere>>

Queste le parole di Salvo Neri del Coordinamento Ti.R.R, partecipante al Brainstorming dello scorso 26 ottobre, dove si è discusso di come la pratica dello sport possa aiutare la città a crescere.

<<Lo sport praticato a tutti i livelli e in tutte le aree cittadine può essere una risorsa per la crescita della città in termini di cittadinanza consapevole>> Simone Lucido, facilitatore del brainstorming e project manager Partecip@ttivi.

I problemi emersi dall’incontro hanno riguardato soprattutto la gestione e le condizioni in cui versano gli impianti sportivi cittadini, tante le soluzioni concrete proposte dai partecipanti.

<<È stato un brainstorming partecipato, sono uscite molte idee interessanti per l’avvicinare donne e bambini allo sport. La cosa bella è stata che non abbiamo parlato solo di calcio, ma dell’importanza dell’educare allo sport in generale.>> Stefania Giambalvo, tifosa.

Gli impianti sportivi costituiscono infatti il primo punto di contatto tra la cittadinanza e l’attività sportiva, e uno degli obiettivi di Partecip@ttivi è prorpio di mettere in atto pratiche e meccanismi di miglioramento in questo senso.

 

Partecip@ttivi è un’iniziativa di democrazia partecipata del Comune di Palermo, in collaborazione con FPA SrlNeXt – Nuove Energie X il territorioClacLattanzio Communication.

 

Immagine: fonte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: